il mio banner

venerdì 19 dicembre 2008

La Grecia non si ferma

Sono trascorsi ormai tredici giorni dall'uccisione di Alexis ma proteste e occupazioni vanno avanti in modo convinto e continuativo.
Nella mattinata di ieri si è tenuta una manifestazione di studenti e lavoratori molto partecipata, nel pomeriggio chi era rimasto dopo il corteo mattutino si è trovato a fronteggiare la polizia; gli scontri localizzati a due passi dal parlamento e vicino la facoltà di legge, sono stati duri con lancio di sassi e molotov. Altre manifestazioni si sono tenute a Salonicco e Creta.
Purtroppo le motivazioni al dissenso crescono visto che ieri sera un ragazzo è stato ferito alla mano da un colpo di arma ad aria compressa, anche questa volta il fatto è successso lontano da qualsiasi situazione che potesse anche minimamente "giustificare" l'uso di un arma come difesa. I colpi sarebbero stati sparati ancora dalla polizia la quale smentisce il fatto dicendo che non c'erano forze dell'ordine in zona.


Video tg24 su scontri ad Atene di ieri nell'edizione del 19\12


Video tg24 su scontri ad Atene edizione di ieri


Intervista da Atene con Dimitris, del collettivo ENANTIA- Sinistra Unita Anticapitalista presa da Radioa Onda d'Urto

Intervista
ad alcuni anarchici greci da Indymedia Lombardia

Link di televisioni greche che dovrebbero trasmettere immagini delle manifestazioni:
http://www.coolstreaming.us/channel/22202/Kanali_10.html
http://www.coolstreaming.us/channel/45582/Ant_gr5__.html

giovedì 18 dicembre 2008

People for Ethical Treatment of Animals

Eccomi di nuovo con un'altra associazione animalista il People for Ethical Treatment of Animals.
PETA è la più grande organizzazione americana di salvaguardia degli animali, fondata nel 1980 da Ingrid Newkirk e Alex Pacheco.
Prima di addentrarmi nel post voglio scrivervi di un accusa rivolta a PETA da un sito americano(petakillsanimals.com); il motivo è che PETA nel 1998 ha ucciso circa 10000 animali da compagnia, cuccioli compresi, non sofferenti e quindi adottabili dalle famiglie. PETA rispose dicendo che gli abbattimenti ci furono giustificandoli con la mancanza di mezzi e soldi per il sostentamento degli animali. Non solo è anche accusata di aver soppresso circa l'85% degli animali ricevuti, mentre altre associazioni animaliste americane ne davano in adozione la stessa percentuale. Ora io mi sono un pò risentito di queste vicende tanto che non volevo più scrivervi di quest'organizzazione.............................. Sono tornato continuo a scrivere perchè è indiscutibile il lavoro compiuto da PETA e dai suoi attivisti, ma è altrettanto indiscutibile che cercherò ulteriori notizie sui fatti e ve le esporrò!!!
L'abolizione dello sfruttamento animale in qualsiasi sua forma è la parola d'ordine dell'organizzazione; secondo il presidente Newkirk " se parliamo di sensazioni come dolore, paura, fame e sete, un ratto è un maiale è un cane è un ragazzo".
A differenza dell'Elf e dell'ALF quest'organizzazzione ha una struttura con una sede centrale a Norfolk in Virginia e i suoi attivisti(membri) sono stimati da PETA essere 800mila in tutto il mondo, i suoi uffici si trovano ora anche nel Regno Unito, in India, in Germania, in Olanda e in Asia. In Italia gli Animalisti Italiani sostengono le campagne della PETA.
Come ben sappiamo la comunicazione dei propri pensieri va divulgata altrimenti rimangono per pochi e PETA lo sa, l'uso dei Mass Media è massivo e mirato. I suoi siti web sono molteplici e affrontano temi che vanno dal veganesimo alla vivisezione, dall'assistenza agli animali randagi o maltrattati alla diffusione di libri e eventi come mostre sull'olocausto degli animali.
Proprio sul suo sito ufficiale troviamo scritta la sua filosofia:
"La PETA crede che agli animali vadano garantiti alcuni diritti fondamentali, e il rispetto dei loro interessi a prescindere da considerazioni di utilità per gli esseri umani. Come voi, gli animali sono capaci di soffrire e hanno scopi nella loro vita; di conseguenza, non sono a nostra disposizione per l'uso come cibo, abbigliamento, divertimento, sperimentazione o per qualsiasi altro scopo".

Sono molte le campagne che PETA ha compiuto nel mondo io ve ne presento alcune:
Nel 1983 contro il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti che voleva condurre una serie di test di armamenti su cani e capre, vinta.
Nel 2000 contro McDonald's obbligandolo a sottoscrivere nuovi standard di rispetto per gli animali.
Nel 2001 contro Burger King ottenendo gli stessi risultati con McDonalds.

Questi volantini sono un esempio di campagna informativa in stile PETA.


Video " Monkey Abuse PETA Undercover "




Video torture in un allevamento intensivo di polli by PETA



Ringrazio:
Wikipedia

martedì 16 dicembre 2008

Earth Liberation Front

Il secondo movimento da me preso in esame non è specificatamente animalista ma ambientalista a 360°, infatti il suo nome è Earth Liberation Front( la madre terra deve essere liberata dallo sfruttamento senza senno dell'uomo).
L'ELF è un movimento ecologista formato nel 1992 a Brighton(Inghilterra) da alcuni membri fuoriusciti dall'Earth First.
Il sabotaggio e il boicotttaggio vengono messe in atto dall'associazione tramite azioni dirette, tese a colpire aziende o privati che con il loro operato vanno a creare danni ambientali di qualsiasi genere; i suoi attivisti agiscono in modo anonimo e auto organizzato.
La peculiarità dell'elf è quella di non avere nessun tipo di struttura, (come abbiamo visto nel post precedente anche l'ALF è diciamo strutturata allo stesso modo); di fatto chi compie azioni sotto la sigla dell'ELF deve attenersi solo al modus operandi dell'associazione e basta, non c'è tessera che possa far risalire agli attivisti e nemmeno liste, anche per questo una stima sul numero degli attivisti la si può fare solo in base a quante azioni vengono effettuate in un dato paese.
Nella prima metà degli anni 90 il movimento arrivò nel nord America, e proprio negli Stati Uniti nel 1997 ci fu la prima operazione ufficialmente rivendicata dall'Elf; nel comunicato rivendicava la liberazione di 500 cavalli, destinati al macello, e la distruzione delle strutture che "ospitavano"gli animali( il danno fu ingente, le autorità fecero una stima di 450mila dollari).
Attualmente l'ELF è presente anche in tutta Europa e in sud America.
Nel 1999, di fronte alla continua crescita di consensi l'ELF costituì un ufficio stampa, utilissimo per diffondere in modo più capillare quello che aveva da dire e le azioni compiute. La sua sede è a Portland nell'Oregon e questo è il link per raggiungerli Earth Liberation Front Press Office.
Nel 2001 l'FBI, visto il diffondersi delle azioni compiute dagli attivisti, classificò l' organizzazione come eco-terrorista.

Earth Liberation Front torch urban sprawl



Chi opera sotto la sigla dell'ELF lotta contro il sistema fallimentare di sfruttamento della terra in tutti i suoi aspetti, a partire dalle industrie che immettono sul mercato prodotti in quantità spropositate e nella maggior parte dei casi totalmente inutili, usando per la loro produzione grosse quantità di risorse naturali quali l'acqua, gli alberi etc.. e perdipiù inquinando con i loro rifiuti(molte volte smaltiti abusivamente); al mercato che vive solo per far girare i soldi passando sopra a persone e ambiente; all'uomo che sogna una bella macchina nuova fiammante per ogni stagione, di dover possedere possedere per essere alimentando il mercato.
Insomma il Capitalismo, su cui sono fondate le nostre società, è uno dei drammi che affliggono il nostro pianeta.
L'ELF sostiene che il capitalismo e la ricerca del profitto stanno distruggendo tutta la vita su questo pianeta. Da questo momento in poi bisogna che la distruzione della vita cessi di essere un'attività che fa avere più soldi, deve diventare un'attività che fa avere più guai. Usando il sabotaggio nella sua lotta l'ELF attacca le voraci entità in ciò a cui più tengono, il portafogli. Infliggendo il massimo di danni possibile l'ELF consente ad una data entità di decidere che è nel proprio interesse smetterla con la distruzione della terra. Il capitalismo nel suo insieme può anche non essere facilmente identificabile. Ma le sue parti e i suoi simboli sono facilmente raggiungibili: possono essere singoli individui, aziende,governi e enti governativi coloro che diffondono la propaganda assassina del sogno americano.
Qualsiasi obbiettivo sia, lo spirito dell'ELF promuove l'efficienza e l'efficacia. L'idea di scegliere il bersaglio più appropriato e di usare tattiche che consentono di infliggere il massimo di danni possibile. Inoltre anche il tempismo è importante per creare il clima che consenta la crescita di un movimento che possa finalmente fermare la distruzione della vita. C'è ancora molto lavoro da fare.

Ringrazio
Untori.noblogs.org
Wikipedia

lunedì 15 dicembre 2008

Animal Liberation Front


Ciao a tutti/e, questo ed altri post parleranno di associazioni attive nell'ambito dell'animalismo. In particolar modo cercherò di farvi conoscere le associazioni che fanno delle azioni dirette il loro punto di forza e valore fondante.
Inizierò con L'ALF, sicuramante l'associazione più conosciuta da chi si interessa dell'argomento; questo movimento nasce nel 1976 dall'unione dei militanti della Band of Marcy(riuniti a loro volta da Ronni Lee) e da l'aggiunta di nuovi attivisti, in tutto una trentina di persone.
Ronni Lee fondò nel 1971 un'organizzazione dedita alla liberazione degli animali a Louton(Inghilterra), essa prese il nome di Band of Marcy.
Nel 1974 Lee e Cliff Goodman(inseritosi nel 1972) vennero arrestati in seguito a un azione; nel 1976 Lee uscì di prigione (nel frattempo Goodman divenne un informatore della polizia) e, come detto, riunì la B of M e fondò l'ALF.
L'ALF sin dall'inizio privilegiò le azioni dirette atte sia all'informazione della massa sia alla liberazione diretta degli animali, non trascurando il sabotaggio e il boicottaggio.
Nel 1980 L'ALF ottiene i frutti del suo operato, nel mondo altri gruppi si vengono formando sotto la sua sigla, eseguendo le stesse azioni di liberazione; così il movimento assume un aspetto internazionale e non più ristretto al solo Regno Unito.
Sempre negli anni ottanta le azioni di liberazione e danneggiamento sono sempre più numerose e sempre più vanno a colpire un economia basata sulla sofferenza degli animali, tanto che lo stato inasprisce la repressione nei confronti degli attivisti, considerati spesso come dei pericolosi terroristi. L'attivista e teorico dell'ALF Barry Horne morì in carcere in seguito a complicazioni dovute ai molteplici scioperi della fame per protestare contro le vane promesse dell'allora premier Tony Blair.
Negli anni 90 la sigla dell'ALF comincia ad apparire anche in Italia.


L'ALF è un'organizzazione antispecista senza struttura formale, ossia non ci sono iscritti, ogni individuo o più individui che compiono azioni rientranti nell'etica dell'organizzazione possono dirsi dell'ALF; con un gruppo di supporto ai prigionieri animalisti, l'ALF Supporters Group.
Le linee guida perchè un azione possa essere firmata con la sigla ALF sono:
- Liberare gli animali da luoghi di sfruttamento, come laboratori, allevamenti da carne e da pelliccia etc, e trovargli una casa dove vivere la loro vita naturale, senza sfruttamento e sofferenza.
- Causare danni economici a chi si arricchisce con lo sfruttamento
animale.
- Svelare l’orrore e le atrocità commesse in segreto ai danni degli animali, utilizzando a questo scopo l’azione diretta non-violenta e le liberazioni.
- Prendere ogni necessaria precauzione affinché nessun animale, umano o
non-umano, venga ferito durante un’azione.
- Ogni gruppo di persone che sono vegetariane o vegane e che fanno azioni secondo queste linee guida hanno il diritto di considerarsi parte dell’ALF.

Video Animal Liberation Front


Alcuni link per addentrarsi nell'argomento
Bite Back, rivista e archivio delle azioni dell'Animal Liberation Front
Approfondimento " Alle radici del movimento di liberazione animale "
" Animal Liberatio Front press office "
www.italiaanimalista.tk

Video campagna dell'ALF contro Morini


Ringrazio
Anarcopedia
Amici-Animali.it
Finoallafine.info
Wikipedia